Tempo Libero

San Valentino, come sopravvivere alla festa degli innamorati

4 consigli semi ironici per i single

Un cuore di lana rossa per la festa degli innamorati (foto iStock) © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 14 febbraio 2020
  • 18:10

San Valentino è sempre una giornata delicata per i single. Nonostante il cinismo imperante, la data del 14 febbraio continua a incombere come una spada di damocle sulla testa di chi è un cuore solitario e superare questa ricorrenza indenni non è facile nemmeno per il più convinto della categoria. ”Ogni volta che arriva S. Valentino, da qualche anno, aumenta un po’ il mio cinismo. Lo confesso: mi è successo di essere stata lasciata proprio il giorno di S. Valentino. Dunque quando arriva S. Valentino per me in realtà si tratta di festeggiare la mia singletudine”. racconta Marvi Santamaria – Social Media Strategist, blogger e creatrice della Community “Match and the City” in cui parla di dating app e sessualità oltre gli stereotipi e autrice del libro “Tinder and the City. Avventure e disagi nel mondo delle dating app” .

Ecco quindi una guida su come sopravvivere alla festa degli innamorati in 4 step con i consigli di Marvi di Match and The City.

Netflix + cioccolato = il match del cuore
Ignorare che sia S. Valentino è buon modo per cominciare. Se si ha una serata libera – e casualmente coincide con S. Valentino – la prima cosa è fare qualcosa che ci faccia stare bene bene, come mangiare qualcosa di dolce e fare binge watching su Netflix fino a tardi visto che il 14 febbraio quest’anno cade di venerdì, quindi il giorno dopo si può passare la mattina a letto. 

All the single ladies!
A proposito del weekend, le irriducibili amiche single entrano in scena proprio in questo momento: puoi organizzare un aperitivo con loro, un cinema, un brunch, una serata karaoke trash (se hai amiche disposte a farlo, tienitele strette), un pigiama party che fa molto Nineties, insomma qualsiasi cosa vi faccia stare bene insieme. Del resto, anche le quattro famose amiche di Sex and the City si ritrovavano sempre attorno a un tavolo (o su un letto) dopo le loro tante vicissitudini amorose, gli accoppiamenti e le rotture improvvise, per fare un po’ il punto sulle loro vite (e la conta delle ferite d’amore inflitte e ricevute).

Io e il mio gatto
Alcune persone fidanzate ti diranno che un giorno rimpiangerai la tua condizione di single. Tu forse storcerai il naso perché non ti capita molto di apprezzarla soprattutto quando metà del tuo letto è vuota e stai occhi negli occhi solo col tuo gatto (che è comunque un passatempo meraviglioso, se non altro perché essere ritenuti degni d’osservazione da un gatto è un onore). La verità è che la vita è fatta di fasi, qualcuno direbbe di scale: ecco, percorrile col tuo ritmo e lascia scivolare via il giudizio altrui.

Quello con te stessa sarà sempre un match perfetto
Se invece le amiche latitano perché sono in coppia, ricorda che hai comunque te stessa e non è mica poco. Questo 14 febbraio (ok dai, non chiamiamolo S. Valentino) potresti semplicemente concederti del tempo per te, metter su la tua playlist preferita su Spotify, intrattenerti con un buon film o libro, cucinare un piatto che ti piace e dopo cena…se ti va, accompagnata dal piacere goloso di un tartufo di cioccolato firmato La Perla di Torino. Da regalarti rigorosamente da sola: quello con te stessa sarà sempre il match perfetto. 

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie