Proton X50 moderno suv che nasce in Malesia da Geely e Volvo

Condivide piattaforma BMA e motore 1.5 tre cilindri 160 e 177 Cv

Redazione ANSA Roma

C'è un mondo a quattro ruote molto lontano da noi, anche per il fatto di non uscire dai confini dei Paesi che lo costituiscono o per far riferimento a marchi e modelli praticamente sconosciuti da noi. E' il caso del costruttore malese Proton, che è importato solo in Gran Bretagna, e che dal 2017 è entrato a far parte della galassia della cinese Geely, al fianco della Volvo e di molti altri brand. Per i super informati Proton riconduce a una marca molto più famosa, quella della Lotus, che era controllata dalla Casa malese e che proprio con l'acquisizione di tre anni fa da parte della Geely è entrata in un 'conglomerato' di peso industriale e tecnologico davvero importante. Una premessa che serve a inquadrare il nuovo suv Proton X50, appena presentato nel mercato interno, e che mette a disposizione di quegli utenti un mezzo moderno, sicuro e rispettoso dell'ambiente grazie alla piattaforma BMA che si ritrova anche in alcuni modelli Volvo. Inutile dire che X50 ha molti punti di somiglianza con il modello Geely Binyue che, a sua volta, è distribuito in altri mercati asiatici con il nome di Coolray. Piuttosto va sottolineato che questo suv-crossover di segmento B è lungo 4.330 mm, largo 1.800 mm di larghezza e alto 1.609 mm, e che presenta un passo di 2.600 mm, diventando dunque in Malesia e in altri Paesi di quella regione il naturale rivale dell' Honda HR-V, che ha dimensioni diverse nell'ordine di pochi millimetri. Sotto al cofano il 3 cilindri turbo 1.5 sviluppato congiuntamente da Geely e Volvo, proposto nelle due varianti da 150 e 177 Cv, entrambe accoppiate ad un cambio doppia frizione a 7 rapporti e con la sola trazione anteriore. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie