Orsi Trentino: Provincia Trento ricorre a Consiglio di Stato

Dopo pronunciamento Tar che annulla linee guida su abbattimento

Redazione ANSA TRENTO
(ANSA) - TRENTO, 30 SET - Dopo il pronunciamento del Tar di Trento che annulla i due paragrafi delle linee guida della Giunta provinciale del 25 giugno 2021 che prevedevano l'abbattimento "con la massima urgenza" degli orsi autori anche di un solo episodio di aggressione, la Provincia di Trento ribadisce "la necessità che le linee guida sulla gestione dei grandi carnivori mantengano l'integrità del percorso così come progettato e si rivolgerà al Consiglio di Stato per sottolinearlo".

Del resto la sentenza del Tribunale amministrativo di Trento - precisa la Provincia in una nota - conferma la possibilità per il presidente della Giunta di ricorrere a provvedimenti d'urgenza in caso di situazioni estremamente critiche. "Il principio di fondo è la massima salvaguardia della sicurezza pubblica e, per assicurare questo obiettivo, l'Amministrazione, nel rispetto del Pacobace, ha già codificato una serie di azioni, a partire dalla dissuasione verso animali problematici, che vengono messe in atto rispettando una rigorosa progressione.

Non si tratta pertanto di introdurre automatismi o di sottovalutare l'importanza del confronto, anche perché le stesse Linee guida confermano la necessità del coinvolgimento di Ispra.

Ma va da sé che di fronte a casi estremamente gravi e pericolosi - che purtroppo la cronaca ha già documentato in una serie di episodi tutt'altro che rari e oggettivamente preoccupanti - diventa irrinunciabile disporre di strumenti operativi - che mai la Provincia ha previsto fuori dall'alveo normativo - il cui obiettivo è proprio la tutela della sicurezza pubblica", conclude la nota. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA