Audi Sport RS Q e-Tron elettrificato, missione Rally Dakar

Motore TFSI del DTM carica sistema propulsivo elettrico 500 kW

Redazione ANSA ROMA

Audi Sport ha iniziato a testare il nuovo buggy da competizione RS Q e-Tron, con cui la Casa dei Quattro Anelli affronterà nel gennaio 2022: il Rally Dakar, una delle più grandi sfide nelle gare automobilistiche.

RS Q e-Tron sarà la prima vettura racing ad utilizzare un sistema di propulsione elettrificato ad alta efficienza, che sfrutta un motore termico TFSI (lo stesso impiegato nel DTM) per generare corrente che carica la batteria ad alta tensione - pesa circa 370 chilogrammi e ha una capacità di circa 50 kWh - durante la guida funzionando nell'intervallo più vantaggioso.
È quello compreso tra 4.500 e 6.000 giri ed è tale - spiega Audi Sport - da offrire un consumo specifico di benzina ben al di sotto di 200 grammi per kWh. La trazione è naturalmente integrale e gli assi anteriore e posteriore sono dotati ciascuno di un'unità motore-generatore (MGU) simile a quella dell'attuale vettura di Formula E Audi e-Tron FE07.
Una terza unità MGU, di identico design, fa parte del convertitore di energia e serve per ricaricare la batteria ad alto voltaggio durante la guida. Inoltre, l'energia viene recuperata durante la frenata. Con questa soluzione, che combina il meglio delle tecnologie di elettrificazione applicate allo sport automobilistico, Audi punta a competere per la vittoria assoluta contro i concorrenti a motore convenzionale nel rally più duro del mondo.
"La nostra Audi Quattro è stata una svolta per il World Rally Championship. E siamo stati il primo marchio a vincere la 24 Ore di Le Mans con una propulsione elettrificata. Ora vogliamo inaugurare una nuova era al Rally Dakar - afferma Julius Seebach, Ceo di Audi Sport GmbH e responsabile del motorsport presso Audi - testando e sviluppando ulteriormente la nostra tecnologia e-Tron in condizioni estreme. Il nostro nuovo RS Q e-Tron è stato creato partendo da un foglio di carta bianco in tempi record e vuole confermare il nostro motto Vorsprung durch Technik, cioè Guidati dalla Tecnologia".
Le caratteristiche del Rally Dakar hanno richiesto agli ingegneri sfide speciali: l'evento dura due settimane e le tappe giornaliere sono lunghe fino a 800 chilometri. "È una distanza molto lunga - afferma Andreas Roos, responsabile del progetto Dakar presso Audi Spor - Quello che stiamo cercando di fare non è mai stato fatto prima. Questa è la sfida finale per un sistemo di propulsione elettrica".
La potenza massima del sistema di e-drivetrain è di 500 kW, cioè oltre 670 Cv ma quanta di essa possa essere utilizzata durante la Dakar è ancora in fase di definizione da parte degli organizzatori della gara, proprio per equilibrare la sfida con i modelli tradizionali. La soluzione 'elettrificata' offre molti vantaggi: i motori elettrici possono essere controllati in modo estremamente preciso e possono quindi garantire la massima guidabilità. Inoltre, l'energia di frenata può essere recuperata. L'Audi RS Q e-Tron necessita solo di una marcia avanti.
I due assi non sono collegati meccanicamente al sistema propulsivo, e il software sviluppato da Audi si occupa della distribuzione della coppia tra di loro creando così un differenziale centrale virtuale e liberamente configurabile, cosa che permette di risparmiare peso e spazio.
Anche esteticamente, Audi RS Q e-Tron differisce in modo significativo dai buggy Dakar a motore convenzionale. "Il veicolo ha un aspetto futuristico e ha molti elementi di design tipici di Audi - afferma Juan Manuel Diaz, Team Leader of Motorsport Design di Audi - Il nostro obiettivo era quello di simboleggiare il motto Vorsprung durch Technik e il futuro del nostro marchio".
La partecipazione alla Dakar Rally prevede la collaborazione con Q Motorsport. "Audi ha sempre scelto percorsi nuovi e audaci nelle corse, ma penso che questa sia una delle auto più complesse che abbia mai visto - afferma il team principal Sven Quandt - La propulsione elettrica significa che molti sistemi diversi devono comunicare tra loro. Oltre all'affidabilità, che è fondamentale nel Rally Dakar, questa è la nostra più grande sfida nei prossimi mesi". Quandt paragona il progetto Dakar di Audi al primo sbarco sulla luna: "Allora, gli ingegneri non sapevano davvero cosa sarebbe accaduto. Per noi è la stessa cosa: se finiremo il primo evento Dakar, sarà già un successo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie