Una barriera di vetro per proteggere San Marco

Difenderà chiesa da acqua alta per almeno 3 anni

di Michele Galvan VENEZIA

VENEZIA - I turisti che arriveranno a Venezia nella primavera 2022 si troveranno davanti una Basilica di San Marco mai vista: la meravigliosa chiesa bizantina protetta da una barriera di lastre trasparenti, in vetro, a protezione dei suoi marmi e dei suoi mosaici dagli assalti dell'acqua alta. Perchè, anche quando il Mose sarà in funzione in via definitiva - il sistema è stato alzato finora in via sperimentale - la Basilica dei veneziani continuerà ad andare sott'acqua, dato che il nartece (l'ingresso) si allaga già con maree di 88 centimetri sul medio mare. E mai le barriera del Mose potranno alzarsi con soglie così basse; pena il blocco di ogni attività portuale. Da qui il progetto di messa in sicurezza di San Marco, in attesa - ma per questa serviranno anni - della completa impermeabilizzazione dell'area marciana. Ecco così la 'cintura' in vetro attorno alla Basilica: un'opera temporanea, perchè può essere rimossa, e non troppo onerosa, con un costo di 3 milioni e 700 mila euro.

"Siamo soddisfatti perchè finalmente i lavori sono potuti partire, anche se resta l'incognita dell'autunno, delle fasi in cui le alte maree potrebbero fermare il cantiere" commenta Carlo Alberto Tesserin, Procuratore di San Marco. Tesserin ha ancora nella memoria le immagini tragiche dell'acqua alta di 187 centimetri del 12 novembre 2019 (la seconda più alta nella storia di Venezia), che entrò in Basilica con danni enormi, allagando completamente la cripta. Gli operai delle imprese impegnate nel progetto, coordinato dal Consorzio Venezia Nuova, hanno già delimitato con transenne il cantiere tra la Basilica e il lato di Palazzo Ducale, e avviato i carotaggi per verificare l'eventuale presenza di reperti archeologici. Poi inizierà lo scavo vero e proprio delle corsie, circa 3 metri di larghezza per mezzo metro di profondità, con un solco più profondo al centro, in cui saranno posizionate le lastre di vetro, del peso di 8 quintali l'una, e di lunghezze variabili tra i 8 e i 7 metri. Alla fine il perimetro dell'edificio religioso sarà protetto da una cintura di circa 130 metri. L'obiettivo ambizioso sarebbe di terminare l'intervento prima della fine dell'anno. Ma le imprese non si fanno illusioni. Con la stagione delle alte maree alle porte è più probabile che la 'Basilica di vetro' possa essere inaugurata in primavera-estate. La previsione è che l'opera rimanga in esercizio per circa 3 anni.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie