Frontex, palloni aerostatici per il controllo delle frontiere

In servizio sulle frontiere marine con telecamere e sensori

Redazione ANSA

BRUXELLES - Palloni aerostatici, dotati di telecamere e sensori, per il controllo delle frontiere marittime dell'Ue, questa la tecnologia che Frontex, l'Agenzia europea per in controllo delle frontiere esterne dell'Ue, sta testando in Grecia in collaborazione con le autorità elleniche. Lo fa sapere l'agenzia in una nota. Durante la fase di test i palloni aerostatici, dotati di sensori, telecamere elettro-ottiche e termiche, radar e ricevitori di sistemi di identificazione automatica, hanno pattugliato 24 ore su 24, 7 giorni su 7, i cieli sopra Alessandropoli e sull'isola di Limnos, a varie quote e con diverse condizioni meteorologiche.

Frontex ha testato il loro utilizzo per rilevare attraversamenti di frontiera non autorizzati, sostenere operazioni di ricerca e soccorso e combattere la criminalità transfrontaliera. Utilizzando la comunicazione satellitare e un portale apposito, l'immagine della situazione in mare può essere trasmessa in tempo reale a Frontex e alle autorità nazionali, consentendo una reazione immediata. La fase di prova condotta in collaborazione con la guardia costiera ellenica si concluderà a novembre, la tecnologia utilizzata nella sperimentazione è interamente supportata da fornitori europei e potrà essere messa a disposizione degli Stati membri dell'Ue.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: