Timmermans, più chance con la coltivazione del carbonio

Kyriakides a conferenza su strategia Farm to Fork, 'in arrivo nuove norme Ue pesticidi

Redazione ANSA

BRUXELLES - "C'è un business model che chiamiamo carbon farming, coltivazione del carbonio, con cui possiamo dare più potere agli agricoltori riducendo le emissioni o creare l'ambiente giusto affinché l'agricoltura aumenti la sua capacità di assorbimento di CO2, e combinando questo con i piani nazionali" della Pac, "possiamo rinvigorire il business model del settore agricolo e al tempo stesso contribuire a un pianeta più in salute". Così il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans intervenendo in apertura della conferenza sulla strategia "Farm to Fork".

"Imparare a vivere nell'ambito delle possibilità del pianeta e nutrire 10 miliardi di persone è una sfida enorme - ha detto Timmermans - abbiamo messo sul tavolo quasi 400 miliardi di euro per gli Stati membri, per cambiare nella giusta direzione, e se lo faranno possiamo allontanarci dagli effetti più negativi della crisi climatica e della crisi della biodiversità, è difficile ma possiamo riuscirci se lo facciamo insieme".

La Commissione europea presenterà "all'inizio dell'anno prossimo" la bozza di riforma della direttiva sull'uso sostenibile dei pesticidi. Lo ha confermato la commissaria Ue alla salute Stella Kyriakides nel suo discorso alla conferenza. Dopo aver varato nel 2021 il codice di condotta per le imprese del settore alimentare, nel 2022 la Commissione europea inizierà a presentare iniziative legislative.

"Nei prossimi mesi - ha precisato Kyriakides - il nostro focus sarà sui pesticidi, che saranno la prima proposta sotto l'insegna Farm to Fork e sarà emblematica del cambiamento che vogliamo ottenere e del modo in cui vogliamo farlo". "Le iniziative sull'etichettatura alimentare verranno alla fine del prossimo anno - ha aggiunto la commissaria - quindi i target obbligatori per la riduzione degli sprechi alimentari, una nuova e più forte legislazione Ue sul benessere degli animali per la fine del 2023", fino ad arrivare alla normativa quadro sui sistemi alimentari sostenibili, prevista anch'essa nel 2023. "Segnerà un cambiamento di paradigma nella legislazione alimentare", ha annunciato Kyriakides.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: