Colao, seguiamo la vicenda TIM e abbiamo a cuore la sicurezza della rete

'E anche i piani di sviluppo banda larga e 5G'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Le vicende di mercato le lasciamo al mercato, ovviamente osserviamo la situazione, perché abbiamo a cuore la sicurezza delle reti e dei dati italiani e per quanto mi riguarda i piani di sviluppo di banda larga e 5G" previsti nel Recovery Plan. Lo dice il ministro per l'Innovazione tecnologica e transizione digitale, Vittorio Colao, nel punto stampa da Bruxelles.

"Con tutti i commissari con cui ho parlato abbiamo discusso del bisogno di una maggiore autonomia strategica dell'Ue in molti settori. Abbiamo parlato dello spazio ma anche dei semiconduttori e dei chip. Dobbiamo adeguare l'infrastruttura regolatoria e normativa europea a quella che è una nuova realtà, una realtà di una tecnologia che sta avanzando in maniera rapidissima e di imprese e interi settori europei che devono essere sicuri delle loro fonti di approvvigionamento e della loro proprietà intellettuale.

C'è un grande allineamento tra i grandi Paesi Ue e la commissione per fare dei grandi passi avanti" ha aggiunto Vittorio Colao, da Bruxelles, dove questa mattina ha incontrato il commissario al mercato interno Thierry Breton.

Sulla banda larga "abbiamo regole molto chiare in Italia, regole molto chiare in Ue. Utilizziamo fondi pubblici, dobbiamo garantire che siano utilizzati in una maniera equa, che si raggiungano gli obiettivi e che siano il più possibile a favore di tanti soggetti". Lo dice il ministro per l'Innovazione Tecnologica, Vittorio Colao. "Chiunque prenda questi fondi poi dovrà utilizzare altre imprese per fare i lavori, per gli scavi, per le antenne. Questi fondi non vanno a beneficio solo di qualche soggetto, c'è una lunga catena e io auspico che tante imprese si stanno attrezzando. Avremo bisogno di 10-15mila persone in più", sottolinea.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: