L'export europeo nell'agroalimentare riprende a correre

Tra Gennaio e Agosto +7% a valore rispetto a stesso periodo 2020

Redazione ANSA

BRUXELLES - Riprendono slancio le esportazioni agroalimentari Ue. Secondo i dati della Commissione europea, il valore totale del commercio agroalimentare dell'Ue (esportazioni più importazioni) nel periodo Gennaio-Agosto 2021 ha raggiunto un valore di 210,5 miliardi di euro, con un aumento del 5,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le esportazioni sono aumentate del 7% a 127,5 miliardi di euro, mentre le importazioni sono cresciute del 2,3% a 85 miliardi, con un avanzo commerciale agroalimentare totale di 44 miliardi.

Si tratta di un aumento del 17% rispetto allo stesso periodo del 2020. Aumentate le spedizioni verso gli Stati Uniti, cresciute di 2 miliardi, pari al 15%, trainate in gran parte da vino, distillati e liquori. Incremento degli acquisti si segnala anche dalla Cina (+812 milioni), Svizzera (+531 milioni), Corea del Sud (+464 milioni), Norvegia (+393 milioni). Si stabilizza l'effetto Brexit, con le spedizioni verso Londra a 116 milioni, lo stesso valore dell'anno scorso. Sul fronte import, sono aumentati gli acquisti di soia (panelli e semi), olio di palma e di nocciolo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: