Ue, impegno talebani a rispettare promessa amnistia generale

Delegazione Kabul, 'rispetteremo diritti anche delle donne'

Redazione ANSA

BRUXELLES - I talebani si sono "impegnati" a mantenere la loro promessa per un'"amnistia generale" per gli afghani che hanno lavorato contro di loro durante i due decenni di dominio occidentale, fino al ritiro degli Stati Uniti ad agosto. Lo riferisce una nota del servizio di azione esterna della Ue (Eeas-Seae) dopo l'incontro che si è tenuto nel fine settimana fra le parti a Doha. L'incontro, precisa la Ue, "non implica il riconoscimento del governo provvisorio, ma fa parte dell'impegno operativo dell'Unione", nell'interesse di entrambe le parti.

"Nell'incontro, la delegazione afghana ha confermato il proprio impegno a sostenere e rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali, compresi i diritti delle donne, dei bambini e delle persone appartenenti a minoranze, nonché la libertà di parola e dei media, in linea con i principi islamici", aggiunge la nota del servizio diplomatico dell'Unione europea. La delegazione dell'Ue, per conto suo, ha "accolto con favore l'intenzione della delegazione afgana di garantire la parità di accesso all'istruzione per ragazze e ragazzi a tutti i livelli e il diritto delle donne a lavorare in diversi settori e a contribuire all'economia e allo sviluppo dell'Afghanistan".

Durante i colloqui a Doha, i talebani hanno chiesto l'aiuto dell'Unione europea per mantenere in funzione gli aeroporti afghani. "La delegazione afghana ha confermato il suo impegno a garantire e facilitare il passaggio in sicurezza di cittadini stranieri e afghani che desiderano lasciare il Paese", ha affermato il Seae-Eeas in una nota, precisando che "a tal proposito, entrambe le parti hanno sottolineato l'importanza fondamentale di mantenere aperti gli aeroporti afghani" e che la "delegazione afghana ha richiesto assistenza nel mantenimento delle operazioni aeroportuali".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: