Open de España: Rahm parte forte, è terzo

A Madrid in testa c'è McGowan. Anche Bale tra gli spettatori

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 07 OTT - A Madrid grande partenza di Jon Rahm nella 93esima edizione dell'Open de España. Vincitore nel 2018 e nel 2019 (il torneo nel 2020 non s'è giocato), il numero 1 mondiale (e campione in carica) dopo il primo round chiuso in 63 (-8) è 3/o a due colpi dalla vetta occupata da Ross McGowan.
    Campione nel 2020 dell'Open d'Italia, l'inglese McGowan con una prova bogey (con un eagle e otto birdie) e uno score di 61 (-10), guida la classifica ed è tallonato da un altro giocatore iberico, Sebastian Garcia Rodriguez (cugino del campione Sergio), secondo con 62 (-9).
    Nel torneo dell'European Tour, al Club de Campo Villa de Madrid (par 71), buon avvio per il bresciano Nino Bertasio, il torinese Edoardo Molinari, il pugliese Francesco Laporta e il romano Renato Paratore, tutti 21/i con 67 (-4). Mentre il fiorentino Lorenzo Gagli è 69/o con 70 (-1). Delude il vicentino Guido Migliozzi, solo 118/o con 74 (+3) davanti al capitolino Andrea Pavan, 130/o con 77 (+6).
    Pubblico delle grandi occasioni a Madrid dove, sotto gli occhi di Gareth Bale, attaccante del Real Madrid e grande appassionato di golf, non ha deluso le attese Rahm. Idolo della folla, è tornato a giocare due anni dopo l'ultima volta un evento in Spagna. E ora il 26enne di Barrika insegue il "triplete" nella competizione per emulare il suo mito Severiano Ballesteros, vincitore della rassegna nel 1981, 1985 e 1995. Ma Rahm punta anche a eguagliare Angel de la Torre, l'unico giocatore ad aver fatto suo per tre volte consecutive il trofeo (nel 1916, 1917 e 1919, nel 1918 il torneo non s'è giocato) e colui che vanta anche il primato di successi (cinque) nella storia dell'evento. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA