Press Release

  • CRV - ‘Prime donne’, il Consiglio veneto dedica un libro a Rosetta Molinari e a Giuseppina Dal Santo
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - ‘Prime donne’, il Consiglio veneto dedica un libro a Rosetta Molinari e a Giuseppina Dal Santo

Le prime elette in 50 anni di storia dell'Assemblea legislativa regionale

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

‘Prime donne’, il Consiglio veneto dedica un libro a Rosetta Molinari e a Giuseppina Dal Santo, prime elette in 50 anni di storia

(Arv) Venezia 21 ott. 2021  - Rosetta Molinari Milani e Giuseppina Dal Santo sono state le prime due donne elette in Regione, unica voce femminile nell’aula consiliare di palazzo Ferro-Fini negli anni ‘70. Rosetta (1927-2015), unica donna a risultare eletta nel 1970 e nel 1975, presidente della commissione Sanità tra il 1979 e il 1980, era una esponente di primo piano del Pci padovano. Giuseppina (1928-1998), democristiana vicentina, di corrente dorotea, entrata in consiglio per subentro nel 1976, nel 1980 è stata la più votata in Veneto, surclassando anche il presidente Carlo Bernini: del partito di maggioranza assoluta negli anni ’80 è stata capogruppo, presidente di commissione, componente dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale. Finita l’esperienza in Regione, dal 1993 al 1995 è stata la prima donna alla guida della Provincia di Vicenza.

Alle prime due donne della propria storia il Consiglio veneto ha dedicato una monografia, intitolata ‘Prime donne’, stampata da Cierre Grafiche e curata dalla giornalista Margherita Carniello. “Un doveroso omaggio a due pioniere, a due ‘apripista’ nella vita politica e sociale del Veneto degli anni Settanta e Ottanta, ideato nell’ambito delle celebrazioni per i 50 anni della Regione”, l’ha definito il presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti, presentando la pubblicazione in aula consiliare ai consiglieri e agli ex consiglieri, alla presenza delle figlie di Rosetta Molinari, Elena e Silvia Milani, della sorella di Giuseppina Dal Santo, Maria Laura, e della storica segretaria e collaboratrice, Maria Rosaria Migliorin. “La pubblicazione va in parte a colmare quel ‘cono d’ombra’ che per troppi anni ha avvolto il contributo delle donne alla vita politica e amministrativa nella nostra Regione e nel nostro Paese”, ha sottolineato il segretario generale del Consiglio, Roberto Valente. “E ci ricorda il lungo e difficile percorso della rappresentanza femminile nelle istituzioni: in cinquant’anni di Regione le donne elette in Veneto sono state 40 su 411 consiglieri. Solo in questa legislatura, grazie anche alle quote di genere nelle liste, la proporzione ha superato il terzo dei seggi, con la presenza di 18 donne tra i 51 consiglieri”. Aldo Bottin, presidente del Veneto tra il 1994 e il 1995 e ora alla guida dell’Associazione consiglieri regionali, ha rievocato lo stile e il metodo delle due consigliere, invitando a leggere il loro impegno politico ‘per una Regione vicina alle persone’ come ‘monito’ per il futuro dell’istituzione regionale.

Rosetta Molinari e Giuseppina Dal Santo si sono affermate in anni in cui la politica era quasi esclusivo appannaggio maschile e hanno dato il loro contributo ‘costituente’ alla storia della Regione lavorando fianco a fianco per scrivere leggi fondamentali per il Veneto come l’istituzione degli asili nido comunali; la creazione dei consultori familiari; l’avvio su scala regionale del servizio socio-sanitario regionale, che in Veneto coniuga il diritto alla salute con quello all’assistenza; le linee guida per l’applicazione in Veneto della legge 194; il primo nucleo di politiche per le pari opportunità; la prima legge regionale sulle tossicodipendenze; agevolazioni e sostegni per il diritto allo studio; il riconoscimento e la valorizzazione del sistema dei centri di formazione professionale, integrato con quello scolastico. 

Il libro inquadra il Veneto degli anni Settanta e Ottanta con il saggio dello storico Filiberto Agostini, docente dell’Università di Padova, pubblica i discorsi d’aula delle due consigliere e raccoglie la voce di amici, colleghi ed eredi dell’impegno politico e sociale delle due consigliere. A illuminare il pensiero, la personalità e l’operato di Rosetta Molinari sono l’autobiografia scritta dalla stessa consigliera in tarda età e le testimonianze degli ex sindaci di Padova Paolo Giaretta e Flavio Zanonato, di Piero Ruzzante, già parlamentare e consigliere regionale, di Christian Ferrari segretario generale della Cgil veneta, di Liviana Gazzetta, storica del movimento femminile in Veneto e presidente dell’Istituto per la Storia del Risorgimento di Padova e della ricercatrice Hélène Zago. Il profilo e la personalità di Giuseppina Dal Santo sono rievocati dall’ex sindaco di Vicenza Giorgio Sala, dal sen. Giuseppe Doppio, dall’on. Luciano Righi, dal segretario della dc berica Gino Rigon, dai colleghi consiglieri Luigi Covolo ed Ettore Beggiato, dai giornalisti vicentini Mario Giulianati, Mario Serafin e Sergio Frigo, dai dirigenti del Consiglio regionale Valente e Antonio Politi e dall’ex direttore generale dell’Ulss di Arzignano Carmelo Rigobello.

In appendice “Prime Donne’ raccoglie il profilo delle donne consigliere ed assessore nelle prime dieci legislature della Regione del Veneto, dal 1970 al 2020. “Dopo Rosetta e Giuseppina – ricorda nell’introduzione Francesca Zottis, vicepresidente del Consiglio - altre donne hanno intrapreso la via dell’impegno politico in Regione, ciascuna con il proprio talento e sensibilità, tutte con la consapevolezza di essere ‘sfidanti’, di voler occupare uno spazio che non è di mera rappresentanza, ma requisito di vera democrazia. Perché, ci insegnava Tina Anselmi, prima donna a diventare ministro, ‘la presenza femminile in politica, nei posti cosiddetti di potere, non serve soltanto alle donne, serve a migliorare la qualità della società. Per tutti’”.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Modifica consenso Cookie