Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: statue buddiste tornano a splendere dopo mille anni

'Arhat' di argilla colorata, nello Shandong

(ANSA-XINHUA) - JINAN, 13 MAG - Dodici statue raffiguranti arhat (nel buddismo sono coloro che hanno raggiunto il Nirvana), risalenti a quasi 1.000 anni fa, sono state restaurata dopo 39 anni dal primo intervento, nella provincia di Shandong della Cina orientale.
    Le statue di argilla colorata si trovano presso il Tempio Lingyan di Jinan, capoluogo provinciale dello Shandong, eretto più di 1.600 anni fa durante la dinastia Jin orientale (317-420).
    Nel sito sono presenti 40 statue di arhat ben conservate e famose sia in patria che all'estero, realizzate per la maggior parte durante la dinastia Song (960-1279).
    Le statue buddiste caratterizzate da diversi colori, forme e varie espressioni sono state sottoposte più volte ad opere di restauro nel corso della storia, l'ultima volta nel 1982.
    Wang Tingqi, vice direttore dell'ufficio provinciale di cultura e turismo dello Shandong racconta che in tale occasione furono riscontrate somiglianze tra l'addome di una delle statue d'argilla e quello umano, con tanto di viscere realizzate in seta.
    "I risultati dei lavori di tutela e restauro questa volta sono riusciti oltre ogni aspettativa", spiega Su Bomin, vice direttore dell'Accademia di ricerca di Dunhuang, dal momento che gli addetti ai lavori hanno fatto ricorso a tecniche di restauro sicure, tra cui la riempitura di alcune crepe nella verniciatura e la rimozione della polvere depositata sulle statue.
    Secondo quest'ultimo, gran parte del danno subìto dalle opere è avvenuto a causa dei cambiamenti di temperatura e dell'esposizione all'umidità per un periodo prolungato.
    (ANSA-XINHUA).
   

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie